Aia: la nuova arma segreta dell’Ivass per stanare i truffatori

Scritto da BreakingNews il

Si tratta del nuovo strumento a disposizione dell’Ivass dal 30 luglio scorso: si chiama Aia è l’Archivio informatico integrato e antifrode che permette di confrontare le diverse informazioni contenute in differenti banche dati.

NOVITA' - Finalmente buone notizie per le tasche degli automobilisti italiani! Le compagnie assicurative devono obbligatoriamente applicare degli sconti in favore di tutti gli automobilisti italiani che hanno determinate caratteristiche. Inserisci la targa e pochi altri dati per verificare se hai diritto allo sconto. Scopri quanto puoi risparmiare oggi.

A cosa serve? L’Aia serve a contrastare il fenomeno delle frodi assicurative e soprattutto a fare prevenzione. Ogni volta che viene segnalato un sinistro, l’Aia ha il compito di mettere a confronto tutte le informazioni che provengono dalle diverse banche dati a disposizione e di elaborare un indicatore che indica la percentuale di rischio che si tratti di una frode oppure no.

Quali informazioni confluiscono nell’archivio dell’Aia? Tutti i dati disponibili provenienti dalle banche dati dei sinistri, dall’anagrafe testimoni e dall’anagrafe danneggiati, dalla banca dati dei contrassegni assicurativi ma anche l’Archivio nazionale dei veicoli, l’Anagrafe nazionale degli abilitati alla guida, il Pubblico registro automobilistico (Pra) e il Ruolo dei periti assicurativi.

In un secondo momento, tutte le informazioni vengono messe in relazione con i dati relativi alle persone coinvolte, sia in modo diretto che indiretto, nell’incidente.

Questo sempre nell’ottica che un efficace blocco delle frodi a carico delle compagnie assicurative possa finalmente giocare un ruolo determinante nell’abbassamento dei premi da pagare per poter garantire copertura assicurativa alle auto.

Queste le dichiarazioni del presidente dell’Ivass: “la lotta alle frodi, così diffuse nel mercato Rc auto, è il principale presupposto di una stabile riduzione dei prezzi: solo il 5% degli assicurati paga un premio paragonabile a quello medio europeo di 250 euro. L’obiettivo è quello di ricavare un numero per ogni sinistro denunciato, che esprima la probabilità di frode. Una valutazione basata sulla storia pregressa del veicolo e di tutti i soggetti coinvolti: proprietario, conducente, danneggiati, testimoni, periti, avvocati, medici”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *