Direttiva Solvency II: assicurazioni italiane sopra la media

Scritto da BreakingNews il

Solvency vuol dire solvibilità e le assicurazioni italiane da questo punto di vista sono ineccepibili: hanno aumentato gli investimenti e riportano un indice di solvibilità medio che risulta essere quasi il doppio rispetto al minimo richiesto. Le modifiche al Cap (vecchio Codice delle Assicurazioni Private) prevedono anche di semplificare la normativa contabile e di rivedere un  po’ il sistema di vigilanza. E punta ad una migliore proporzionalità tra vigilanza e pericolosità potenziale delle varie situazioni.

NOVITA' - Finalmente buone notizie per le tasche degli automobilisti italiani! Le compagnie assicurative devono obbligatoriamente applicare degli sconti in favore di tutti gli automobilisti italiani che hanno determinate caratteristiche. Inserisci la targa e pochi altri dati per verificare se hai diritto allo sconto. Scopri quanto puoi risparmiare oggi.

Si attende l’entrata in vigore di Solvency II e nel frattempo l’Ivass punta senza ombra di dubbio a semplificazione e proporzionalità. L’Italia è tra gli 11 Paesi che hanno già recepito la direttiva. Due i punti cruciali: a) il trattamento a fini prudenziali dei titoli debitori sovrani; b) la doppia contabilità che le aziende devono produrre.

Questo in parole semplici e chiare si traduce in: punto 1) le compagnie assicurative non devono considerare i titoli sovrani come privi di rischio e l’Ivass deve vigilare al riguardo; punto 2) tutte le compagnie d’ora in avanti dovranno produrre due bilanci, vale a dire uno che rispecchi i canoni tradizionali adottati fino ad ora e uno cosiddetto “di vigilanza”, in adozione appunto dei nuovi principi introdotti da Solvency II.

Il sistema di vigilanza deve essere riveduto e corretto e non focalizzarsi solo sulla vigilanza punitiva (sanzioni,  liquidazioni e via discorrendo) ma soprattutto su quella preventiva, che poi è la più utile dal punto di vista sociale.

Per finire riguardo alla proporzionalità, ecco le dichiarazioni dell’Ivass: “ Fino a ora si è ritenuto di proporzionare la vigilanza alla dimensione dell’impresa. Solvency II ci chiede di badare invece alla natura, alla portata e alla complessità dei rischi che l’impresa corre. Stiamo lavorando a questo con l’industria assicurativa: occorreranno tempo, esperienza applicativa e anche una buona dose di flessibilità interpretativa”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *