Assicurazione temporanea: l’assicurazione che non esiste

Scritto da AssicurazioneOnline il

In tempo di crisi qualsiasi soluzione che faccia risparmiare sulle spese fisse, fa gola a molti. Ne costituisce un esempio mirabile la cosiddetta assicurazione temporanea, ovvero la polizza con scadenza ridotta (la copertura è di alcuni mesi o addirittura di pochi giorni, invece del tradizionale anno intero) che permette di pagare un premio meno caro. Teoricamente essa rappresenta la soluzione ideale per coloro che usano solo saltuariamente l’automobile.  

NOVITA' - Finalmente buone notizie per le tasche degli automobilisti italiani! Le compagnie assicurative devono obbligatoriamente applicare degli sconti in favore di tutti gli automobilisti italiani che hanno determinate caratteristiche. Inserisci la targa e pochi altri dati per verificare se hai diritto allo sconto. Scopri quanto puoi risparmiare oggi.

La truffa scoperta dell’Ivass

Tuttavia l’Ivass (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni) ha recentemente scoperto un traffico illecito di polizze temporanee sui siti internet  www.rca5giorni.com, www.autotranzit.it, www.fastbroker.net, www.tranzitior.com. Si tratta, in effetti, di assicurazioni inesistenti o comunque di compagnie assicurative che non possono operare sul mercato italiano. Inoltre, per promuovere il prodotto assicurativo contraffatto, i titolari dei siti internet sopracitati decantavano collaborazioni con rinomate ditte italiane, le quali, ovviamente, non erano a conoscenza di nulla.

Frodati gli automobilisti del Sud Italia

Numerosi utenti sono stati attratti da queste fantomatiche assicurazioni low cost offerte online per coperture limitate nel tempo (generalmente dai 5 ai 30 giorni). Di fatto, tuttavia, si tratta di polizze contraffatte che non esistono. Ai contraenti caduti nella trappola, infatti, sono stati rilasciati, a seguito del versamento del premio pattuito, dei tagliandi farlocchi.  A tal proposito è opportuno ribadire che coloro che sottoscrivono assicurazioni siffatte non sono per nulla tutelati in caso di sinistri e possono andare incontro al pagamento di sanzioni anche molto salate, oltreché al sequestro del veicolo.

Le vittime preferenziali, lo ricordiamo, sono i guidatori del Sud Italia, dove le polizze Rc auto hanno prezzi proibitivi.

Come tutelarsi dalle finte assicurazioni online

A mettere in atto queste frodi in ambito assicurativo sono false imprese intermediarie, senza nessuno scrupolo. Gli internauti, alla luce di quanto rivelato dall’Ivass devono pertanto imparare a essere molto cauti e a evitare di credere che sia tutto oro quello che luccica. Di fronte a una assicurazione temporanea particolarmente vantaggiosa, è necessario verificare che l’intermediario abbia segnalato sul sito internet tutti i propri dati identificativi: telefono, indirizzo mail e indirizzo della sede fisica, la data e il numero di iscrizione al RUI (ovvero il Registro Unico degli Intermediari). Solo così, infatti, sarà possibile avere la garanzia di avere a che fare con una compagnia assicuratrice esistente e regolarmente abilitata a operare nel nostro Paese. Qualora queste informazioni siano assenti, ci troviamo di fronte a una mancanza di conformità alla normativa vigente.

Cosa fare in caso di dubbi

Qualora si abbiano dubbi in merito a un determinato contratto assicurativo, è possibile rivolgersi al call center ufficiale dell’Ivass, disponibile al seguente numero verde: 800 48 66 61. I centralinisti risponderanno dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 13:30. Negli altri orari è possibile telefonare allo 06 42 13 31.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *