Assicurazioni condominiali: cosa coprono

Scritto da AssicurazioneOnline il

Le assicurazioni condominiali, che in genere vengono stipulate direttamente dagli amministratori di condominio, garantiscono la copertura da danni o da perdite del fabbricato. A seconda della polizza che si sottoscrive, i danni che possono essere coperti sono diversi: molto dipende anche dalle caratteristiche dell’immobile, come per esempio la sua età, gli interventi strutturali che sono stati eseguiti nel corso del tempo e le peculiarità del luogo in cui si trova (la frequenza di alluvioni nei dintorni, il fatto che si tratti di un’area sismica o meno, e così via). Non è necessario che tutti gli inquilini diano il proprio consenso per la sottoscrizione di queste assicurazioni, che possono essere stipulate dagli amministratori anche a fronte di opinioni contrarie (a patto che il mandato degli amministratori stessi non scada prima del contratto).

NOVITA' - Finalmente buone notizie per le tasche degli automobilisti italiani! Le compagnie assicurative devono obbligatoriamente applicare degli sconti in favore di tutti gli automobilisti italiani che hanno determinate caratteristiche. Inserisci la targa e pochi altri dati per verificare se hai diritto allo sconto. Scopri quanto puoi risparmiare oggi.

Tra gli eventi che possono essere coperti dalle assicurazioni condominiali ci sono i danni a terzi, i danni agli impianti domestici, i furti e le rapine, gli incendi, le calamità naturali, i danni che interessano la proprietà di un condomino singolo e i danni che interessano una zona comune del fabbricato. Per ciò che concerne i danni agli impianti domestici, gli incendi, le rapine e i furti, sono coperte tanto le aree private quanto quelle comuni. Resta sottinteso che i danni dovuti alla noncuranza o alla negligenza di uno o più condomini non rientrano nella copertura fornita.

Lo scopo delle assicurazioni condominiali è quello di tutelare il condominio e i suoi inquilini rispetto alle responsabilità civili. Entrando più nel dettaglio, la copertura degli incendi comprende – tra gli altri – i danni da esplosione, i danni da fulmine e i danni da implosione. Per quel che riguarda la sezione responsabilità civile, invece, a essere coperti sono i danni causati a prestatori di lavoro o a terzi, così come quelli provocati da eventi accidentali connessi con l’impiego delle parti comuni o con la proprietà del fabbricato.

Ciascun amministratore può decidere di optare per delle garanzie aggiuntive, come quelle legate ai danni idrici, alla ricerca di guasti, alla rottura di pannelli solari, e così via. Proprio la clausola che coinvolge la ricerca dei guasti si può rivelare molto utile: in sostanza copre le spese che devono essere affrontate per la ricerca della causa di un danno. Tale garanzia, comunque, non è valida se il danno coinvolge il fabbricato, ma può essere applicata unicamente per la responsabilità civile, e dunque se i danni sono causati a terzi.

Vale la pena di prendere in considerazione, infine, i costi, che sono determinati da diversi fattori: non solo i massimali previsti, ma anche le inclusioni aggiuntive, le eventuali clausole e tutte le coperture che rientrano nel contratto. La data in cui il condominio è stato realizzato, le sue dimensioni, l’eventuale presenza di uno o più giardini, il valore della ricostruzione, il numero di appartamenti, il numero di piani e il Comune in cui si trova l’immobile sono tutti elementi che contribuiscono a definire i costi. Ogni condomino paga, a seconda dei millesimi di proprietà, una quota dell’assicurazione.




Tag articoli:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *