Rivalsa assicurazione: che cos’è

Scritto da AssicurazioneOnline il

La rivalsa assicurazione è il diritto che ogni compagnia può vantare nei confronti dell’assicurato richiedendogli il rimborso, totale o parziale, dei risarcimenti versati in caso egli abbia provocato un sinistro. Naturalmente ciò non accade sempre, ma solo nei casi in cui l’assicurato abbia tenuto dei comportamenti non consoni, come ad esempio abbia guidato in stato di ebbrezza, oppure si sia macchiato di dolo, cioè abbia provocato volontariamente il sinistro.

NOVITA' - Finalmente buone notizie per le tasche degli automobilisti italiani! Le compagnie assicurative devono obbligatoriamente applicare degli sconti in favore di tutti gli automobilisti italiani che hanno determinate caratteristiche. Inserisci la targa e pochi altri dati per verificare se hai diritto allo sconto. Scopri quanto puoi risparmiare oggi.

Poiché si tratta di un diritto garantito dalla legge, tutte le compagnie possono esercitare la rivalsa; alcune la esercitano richiedendo un rimborso solo nel caso in cui l’importo del risarcimento superi una determinata cifra (di norma qualche migliaio di euro), altre invece ricorrono sempre alla rivalsa, quando naturalmente sussistano le condizioni. Per sapere se la propria compagnia si avvale del diritto di rivalsa e con quali modalità, si devono leggere con attenzione tutte le clausole del contratto, compresi quei paragrafi scritti con caratteri minuscoli.

La rivalsa assicurazione per guida in stato di ebbrezza viene esercitata quando il conducente che ha provocato il sinistro ha un tasso alcolemico uguale o superiore a quello stabilito per legge e lo stesso vale per la guida sotto effetto di stupefacenti. La rivalsa viene inoltre esercitata per il tipo di guida, ad esempio quando un neopatentato causa un sinistro alla guida di una vettura di cilindrata superiore a quella consentita.

Oltre a questi casi la rivalsa assicurazione viene esercitata anche in caso di:

– dolo con il conducente che provoca volontariamente il sinistro

– veicolo non in regola con la revisione

– se il conducente non è abilitato alla guida (senza patente o patente ritirata)

– se il veicolo è sottoposto a sequestro o fermo amministrativo

– se il mezzo sta partecipando a gare e competizioni sportive

Come si vede, dunque, perchè la propria compagnia risarcisca i danni causati a terzi o a cose, occorre tenere un comportamento corretto e rispettoso delle normative vigenti, tuttavia, per cautelarsi maggiormente, si può chiedere la rinuncia rivalsa all’assicurazione. Che cos’è? Vediamo di scoprirlo insieme.

Con la rinuncia alla rivalsa l’assicurazione rinuncia a chiedere il rimborso delle cifre versate a titolo di risarcimento dei danni provocati dal suo assicurato che non ha tenuto un comportamento rispettoso delle normative. Come si può ottenere? Semplicemente acquistandola. Attenzione, ciò non significa che occorra pagare chissà quale cifra, ma che si richiede una clausola aggiuntiva al proprio contratto assicurativo. Naturalmente ciò comporta una maggiorazione del premio, ma si tratta di cifre comunque di minimo importo.

Va tenuto però presente che la rinuncia alla rivalsa da parte dell’assicurazione vale solo in determinati casi, come la guida in stato di ebbrezza, oppure quando la vettura non è stata sottoposta a revisione. Insomma la si può richiedere per le infrazioni meno gravi e sicuramente non vi è rinuncia di rivalsa in caso di dolo, mancanza di patente o guida di mezzo sottoposto a fermo amministrativo.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *