Bollettino truffe assicurative ottobre

Scritto da AssicurazioneOnline il

I casi più eclatanti, per quel che riguarda le tuffe assicurative di ottobre, sono stati scoperti in Toscana e in Puglia. Come al solito si tratta di vere e proprie organizzazioni a delinquere, visto anche l’alto numero di persone coinvolte, sono infatti indagate 77 persone in Val di Pesa e ben 144 nel Tarantino.  

NOVITA' - Finalmente buone notizie per le tasche degli automobilisti italiani! Le compagnie assicurative devono obbligatoriamente applicare degli sconti in favore di tutti gli automobilisti italiani che hanno determinate caratteristiche. Inserisci la targa e pochi altri dati per verificare se hai diritto allo sconto. Scopri quanto puoi risparmiare oggi.

A San Casciano Val di Pesa a tirare le fila  erano solo in 4, un medico, un perito assicurativo, un carrozziere e un artigiano, per i quali è stata formulata l’accusa di associazione a delinquere. Il modus operandi dell’organizzazione è quello classico, cioè la creazione di falsi incidenti con la richiesta di indennizzo per i danni alle vetture e lesioni alle persone. I carabinieri hanno al momento scoperto 51 falsi incidenti per i quali sono stati intascati 260.000 euro.

In Puglia la creazione di falsi incidenti era invece organizzata da 4 avvocati che però non hanno tenuto conto di un particolare molto importante: una delle vetture utilizzate montava un dispositivo satellitare. Ciò ha permesso alla compagnia Sara di insospettirsi dopo che l’auto aveva avuto ben 6 sinistri nell’arco di due mesi e sempre nella stessa località. Una volta scattate le indagini, i carabinieri di Taranto hanno scoperto che erano stati inventati 61 incidenti stradali e che erano stati intascati illecitamente oltre 500.000 euro di indennizzi.

In Sardegna, a Lanusei, ha invece preso il via il processo a 17 persone che sono accusate di aver organizzato un raggiro a tre compagnie di assicurazioni, Mondialpol, Groupama e Unipol con la creazione di 23 falsi incidenti. A essere danneggiate erano tutte auto lussuose, fattore che faceva lievitare gli indennizzi.

Infine, nell’ambito delle truffe assicurative non si può evitare di mettere in guardia gli automobilisti che desiderassero stipulare una polizza online. L’IVASS infatti segnala un sito che vende sul web polizze di Milano Assicurazioni false. Si tratta di www.milanoassicurazioni.info che svolge un’attività di intermediazione irregolare e per il quale è stato richiesto il sequestro.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *