Diniego del risarcimento: l’IVASS esige motivazioni chiare e specifiche

Scritto da Lorella Gabutti il

L’IVASS (Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni) ha fatto pervenire a tutte le compagnie operanti in Italia una comunicazione di estrema importanza e che costringerà le assicurazioni, entro aprile 2017, a rivedere il loro modo di prendere in esame le richieste di risarcimento danni. Troppo spesso infatti esse rispondono ai loro clienti con un diniego e sono davvero molto numerosi i reclami che costringono l’IVASS a intervenire, un intervento che, molto spesso, vede le compagnie ritornare sui propri passi ed erogare il risarcimento dapprima negato.

NOVITA' - Finalmente buone notizie per le tasche degli automobilisti italiani! Le compagnie assicurative devono obbligatoriamente applicare degli sconti in favore di tutti gli automobilisti italiani che hanno determinate caratteristiche. Inserisci la targa e pochi altri dati per verificare se hai diritto allo sconto. Scopri quanto puoi risparmiare oggi.

L’Istituto fa notare che tale comportamento non fa altro che aumentare il malcontento e la sfiducia degli italiani nei confronti delle assicurazioni, ecco dunque perché, a partire dalla prossima primavera, esse saranno costrette a specificare chiaramente i motivi per i quali negano il risarcimento. In particolare, l’IVASS sottolinea il fatto che le motivazioni per il diniego sono del tutto generiche e non fanno riferimento al caso specifico dei clienti. Sono tre le motivazioni usate e forse abusate dalle compagnie per il diniego al risarcimento e di solito portano diciture del tipo:

– incompatibilità tra i danni e il sinistro, ma al cliente non viene fornita alcuna prova né indicazione che abbia portato la compagnia a tale deduzione. Non si fa infatti cenno a perizie, testimonianza, accertamenti tecnici, ecc.

– contestazione della responsabilità dell’assicurato, la compagnia nega la responsabilità del proprio assicurato nelòl’aver cagionato il danno

– impossibilità di eseguire la perizia

Nel primo caso IVASS fa notare che l’incompatibilità che viene asserita deve essere provata da dati certi, invece le compagnie non fanno alcun cenno a perizie, testimonianze, accertamenti tecnici. Insomma il diniego pare espresso dopo un’analisi superficiale, probabilmente effettuata a tavolino. Nel terzo caso invece non si fa cenno ai motivi che hanno reso impossibile la perizia e va notato che tale motivo può essere addotto solo nel caso in cui sia l’assicurato a renderli inattuabile.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *