La nuova piattaforma digitale di Intesa Sanpaolo

Scritto da AssicurazioneOnline il

Ldivisione insurance di Intesa Sanpaolo conosce un ulteriore sviluppo in seguito ai risultati più che positivi ottenuti nel recente passato. Il bilancio dello scorso anno è stato chiuso dalla società guidata da Carlo Messina con 431 milioni di euro di produzione lorda nel settore della copertura dei danni e con premi lordi per 22 miliardi e 500 milioni di euro nel settore vita, per un utile netto complessivo che ha sfiorato i 640 milioni di euro. Il merito di tali risultati positivi deve essere attribuito a una crescita media annua che, a partire dal 2014, ha interessato sia i ricavi che i profitti per una percentuale superiore al 5%.

NOVITA' - Finalmente buone notizie per le tasche degli automobilisti italiani! Le compagnie assicurative devono obbligatoriamente applicare degli sconti in favore di tutti gli automobilisti italiani che hanno determinate caratteristiche. Inserisci la targa e pochi altri dati per verificare se hai diritto allo sconto. Scopri quanto puoi risparmiare oggi.

Ecco perché Intesa Sanpaolo oggi è la prima compagnia del nostro Paese nel mercato assicurativo e nel settore vita. L’obiettivo è quello di arrivare, entro il 2021, a premi complessivi per 2 miliardi e mezzo di euro, così da diventare la prima compagnia nel non motor retail e la quarta nel settore danni. Ecco perché è stato studiato un piano di crescita che non può prescindere dall’implementazione delle tecnologie più recenti: un traguardo auspicato è quello rappresentato dall’introduzione di un canale di comunicazione diretta con i consumatori, che può essere costituito da una piattaforma digitale.

In questo modo, si potrebbe giungere ad assicurare anche coloro che allo stato attuale non fanno parte del novero dei clienti di Intesa: oggi poco più del 16% dei clienti della banca ha sottoscritto almeno una polizza con la stessa compagnia. Tra le strategie possibili su cui si sta riflettendo c’è anche il ricorso alla vendita di polizze online, che si potrebbe concretizzare tramite una società dedicata: sono in corso ancora valutazioni sul tema e niente è stato deciso.

Quel che è certo è che i competitor non stanno a guardare e che la concorrenza si sta dimostrando piuttosto agguerrita: Genialloyd e Genertel sono solo due esempi di altri player che, ormai da anni, hanno dato il la a progetti fondati sulla digitalizzazione, ma sulla stessa scia si sono inseriti anche Linear e Direct Line. Nicola Maria Fioravanti, responsabile della divisione assicurativa di Intesa Sanpaolo, in un’intervista al Sole 24 Ore ha reso palese la necessità di arrivare a una clientela extra-captive: ecco perché sembra inevitabile fare riferimento a una piattaforma digitale che garantisca al tempo stesso innovazione e immediatezza, ma anche efficienza e sicurezza. Per gli anni a venire, insomma, gli obiettivi di Intesa Sanpaolo sono ambiziosi.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *