Polizze auto truffaldine, l’allarme dell’Ivass

Scritto da AssicurazioneOnline il

Consumatori in allarme dopo l’avviso proveniente dall’Istituto di Vigilanza per le Assicurazioni, che invita tutti gli automobilisti a prestare la massima attenzione alle polizze che si sottoscrivono online. Ciò non implica che Internet sia il Far West e che incappare in truffe assicurative sia così frequente: più semplicemente, vale la pena di essere cauti e accorti, adottando tutte le precauzioni del caso per evitare di essere beffati.

NOVITA' - Finalmente buone notizie per le tasche degli automobilisti italiani! Le compagnie assicurative devono obbligatoriamente applicare degli sconti in favore di tutti gli automobilisti italiani che hanno determinate caratteristiche. Inserisci la targa e pochi altri dati per verificare se hai diritto allo sconto. Scopri quanto puoi risparmiare oggi.

L’allarme a proposito delle assicurazioni false non si spegne mai, ma ritorna periodicamente a farsi sentire. Il sito Economyassicurazioni.com è uno di quelli da cui è bene stare alla larga, almeno secondo le indicazioni che sono state diffuse dall’Ivass. Su questo portale truffaldino sono indicati i dati identificativi di intermediari del tutto ignari. Tali intermediari sono regolarmente iscritti presso il Rui, che è – appunto – il Registro Unico degli Intermediari, ma hanno dichiarato di essere estranei rispetto a tutte le attività che vengono svolte attraverso quel sito. L’istituto ha eseguito tutti gli accertamenti del caso, per poi arrivare a conclusione che l’attività di intermediazione assicurativa che veniva effettuata attraverso quel sito non era regolare. Proprio per questo motivo, inoltre, è stato subito chiesto che il portale venga oscurato.

Ma quali sono gli accorgimenti che è necessario mettere in atto per avere la certezza di rimanere alla larga da contratti assicurativi fasulli? I rischi più concreti sono quelli che riguardano i contratti di durata temporanea: per capire se sono stati emessi attraverso intermediari dotati di tutte le autorizzazioni del caso e da imprese regolari è sufficiente dare un’occhiata al sito dell’Ivass, dove sono riportate gli elenchi che includono le imprese nazionali e internazionali che possono operare nel nostro Paese. Le imprese assicurative non devono essere considerate affidabili se non forniscono un recapito telefonico né i dati identificativi degli intermediari.

Sempre sul sito dell’Ivass, vengono pubblicati con costanza gli avvisi che riguardano tutti i casi di società non autorizzate, di contraffazione e di siti web che non rispettano la disciplina sull’intermediazione. Infine, vale la pena di tenere come punto di riferimento il Registro Unico degli Intermediari e l’Elenco degli intermediari dell’Unione Europea. Nel caso in cui ci si imbattesse in situazioni che appaiono strane, o comunque in tutte le circostanze nelle quali si potrebbe aver bisogno di informazioni e di approfondimenti, ci si può affidare al Contact Center Consumatori dell’istituto, che è attivo tutte le mattine dei giorni feriali.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *